IL LAGO DEI CIGNI – RUSSIAN STARS & Moscow State Classical Ballet by Titova

venerdì 30 novembre e sabato 01 dicembre ore 21 e domenica 2 ore 16 

Fondazione Teatro Nuovo
Il Gesto e l’Anima

Teatro Verdi di Montecatini Terme

RUSSIAN STARS Moscow State Classical Ballet by Titova

Il lago dei cigni

A grande richiesta, dopo lo straordinario successo ottenuto nella stagione 2017/2018, le stelle della danza classica russa tornano ad aggiungersi all’organico del Moscow State Classical Ballet: Alexey Konkin, Sergei Skvortsov, Olga Doronina, Sergei Fedorkov, solo per citarne alcuni. Artisti eclettici, formati in patria e scelti accuratamente dalla maestra, étoile e produttrice Liudmila Titova, che sarà la loro capofila e impreziosirà il cast con le sue performance.

Il Moscow State Classical Ballet by Titova è una delle più prestigiose compagnie di balletto classico di tutta la Russia, ed è conosciuta ed apprezzata a livello internazionale.
Attualmente diretto da Liudmila Titova, la Compagnia si pone come principale obiettivo quello di far conoscere al mondo lo splendore della secolare tradizione russa del balletto classico, volgendo lo sguardo anche ad un repertorio più contemporaneo, in linea con le esigenze del pubblico odierno.
L’alto livello artistico e la qualità del repertorio hanno portato la Compagnia a calcare i maggiori palcoscenici al mondo portando in scena l’essenza dell’arte coreutica russa con intramontabili capolavori come “Il Lago dei Cigni” e “Lo Schiaccianoci”, oltre a titoli celebri come “Giselle” , “La Bella Addormentata”, “Cenerentola”, “Romeo e Giulietta”, “Don Chisciotte”, “Carmen” e “Spartacus”.
Il Corpo di ballo vanta tra le sue fila non solo le sue trenta talentuose étoile provenienti dalle migliori scuole ed accademie di danza mondiali (come il Teatro Bolshoi, il Teatro Mariinksij e il teatro Stanislavsky and Nemirovich- Danchenko, templi autentici della danza classica), ma si avvale anche della partecipazione di straordinarie star del balletto russo che impreziosiscono la scena e elevano ulteriormente lo spettacolo da un punto di vista tecnico e scenico. Il Moscow State Classical Ballet di Liudmila Titova è apprezzato dalla critica per la bellezza e l’eleganza dei propri danzatori che, con la fluidità del loro corpo perfettamente unita alla ferrea disciplina, riescono a creare un ensemble coreografico compatto ed armonico, capace di coinvolgere ed ammaliare il pubblico di ogni nazione. Per questo, ciò che distingue questi ballerini, è l’ineccepibile l’equilibrio con cui armonizzano la tensione alla perfezione del movimento e il rigore stilistico dell’arte del balletto classico.
Il risultato è una tecnica pulita e raffinata esibita sul palco con grande naturalezza ed impreziosita dalle eccelse doti espressive dei ballerini, che contribuiscono a rendere l’interpretazione impeccabile in tutte le sue sfaccettature, facendo godere a pieno allo spettatore l’eterea bellezza delle opere caposaldo della storia del balletto classico.

Il lago dei cigni
Compositore: Pëtr Il’ič Čajkovskij – Coreografia: Marius Petipa
ATTO I
SCENA 1
Nel giardino di un castello tedesco si sta celebrando una festa in onore del principe Siegfried. Il giovane ha compiuto la maggiore età ed è circondato da amici e cortigiani che ballo e danzano insieme a lui. Si unisce ai festeggiamenti anche la madre di Siegfried, la regina regnante, che esorta il figlio a scegliere una sposa tra le fanciulle che lei ha invitato al ballo che si terrà il giorno successivo. La festa continua con danze e scherzi ma Ad un certo momento gli ospiti entrano nel castello, e Siegfried rimane solo: è pensieroso, sogna un amore puro, vero e non imposto. Assorto nei suoi pensieri, cerca un po’ di tranquillità e si dirige verso il vicino lago. Mentre sta osservando le rovine diroccate di un vecchio castello, viene distratto dal volo di alcuni cigni e viene immediatamente preso dal desiderio di cacciare. Imbraccia quindi la sua balestra e corre nel bosco.
SCENA 2
Mentre le rovine del castello si specchiano nelle acque silenziose, Siegfried arriva alle sponde del lago. Lì rimane meravigliato a fissare alcuni cigni bianchi che, non appena giunti a riva, si trasformano misteriosamente in ragazze.
Fra loro, il principe rimane folgorato dalla bellezza di Odette: la fanciulla gli confessa di aver subito un incantesimo insieme ad altre giovani – che le ha trasformate in cigni, permettendo loro di riprendere le sembianze umane soltanto la notte – e che soltanto un uomo davvero innamorato e fedele potrà rompere l’incantesimo. Siegfried promette a Odette di salvarla e la invita alla festa del giorno dopo, durante la quale dovrà scegliere la sua futura sposa. La ragazza, però, non potrà partecipare: Siegfried le giura, allora, eterno amore e le assicura che non sposerà nessun’altra donna. Nel frattempo è giunta l’alba e le fanciulle sono richiamate al lago dal mago Rothbart e trasformate nuovamente in cigni.
ATTO II
SCENA 1
Nella sala da ballo del castello entrano gli invitati ed iniziano i festeggiamenti. Gli squilli di tromba annunciano l’arrivo delle sei ragazze aspiranti pretendenti del principe. Siegfried è ancora pensieroso,nel suo cuore c’è ancora Odette e si rifiuta di scegliere poichè nessuna può competere con la sua amata.
Quand’ecco che uno squillo di tromba annuncia l’arrivo di nuovi ospiti: uno strano cavaliere che scorta Odette, accompagnato da un seguito di cigni neri. Si tratta del mago Rothbart e della figlia Odile che, grazie alla magia di cui è capace il padre, ha assunto l’aspetto di Odette. Siegfried cade nella trappola, credendo che la fanciulla sia la sua amata Odette e giurandole eterno amore. L’oscurità cala sul castello; al momento del giuramento però Siegfried scorge la vera Odette, capisce l’inganno e disperatamente corre fuori dal castello per cercare di raggiungerla.
SCENA 2
Odette raggiunge il lago e racconta alle altre fanciulle ciò che ha visto al castello: il principe ha rotto il suo giuramento e lei è destinata a rimanere cigno per sempre. Disperato Siegfried arriva sulle sponde del lago implorando il perdono di Odette. L’amore di Odette è più forte della magia di Rothbart e lei, commossa dalle parole del principe, lo perdona. Appare Rothbarth che, ostinato ad ostacolare i due amanti, dà inizio ad un duello col principe ma il malvagio viene miseramente sconfitto. E’ l’ultima battaglia tra il bene ed il male. L’alba arriva e finalmente Siegfried ed Odette possono coronare il loro sogno d’amore: il sortilegio si è spezzato.


Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 30/11/2018 - 02/12/2018
21:00

Luogo
FONDAZIONE TEATRO NUOVO

Categorie